Si è verificato un errore nel gadget

mercoledì 19 dicembre 2012

ALEX, un grande maestro che...


Lettera ai miei allievi: oggi hanno bocciato il maestro!

di | 17 dicembre 2012

Cari allievi, oggi il vostro maestro è stato bocciato. Sì, avete letto bene: il Ministero della Pubblica istruzione, al Concorsone, mi ha rimandato. Il maestro, che ogni anno entra in classe insegnando storia, geografia, musica, educazione all’immagine, informatica, scienze, dopo aver passato un concorso e ottenuto l’abilitazione nel 1999, non ha passato il test di preselezione che è stato costretto a fare per tentare di non essere più precario.
Un personal computer, non una persona, in cinquanta minuti ha deciso che io non potrò continuare a essere il vostro maestro ogni anno ma sarò destinato ancora a girare come le giostre da un paese all’altro. 
Con me sono stati bocciati sei su dieci che hanno provato: su 22 persone che erano in aula con me solo 9 sono state promosse.
Volete sapere cosa mi hanno chiesto? No, non ho il coraggio di dirvelo, cari allievi. Voi state immaginando domande sulla didattica, su come si trasmettono a voi la storia, la geografia, l’educazione civica. State immaginando che mi hanno “interrogato” per sapere come v’insegno a usare internet, la mail, i social network che il 74% di voi utilizza.
No, nulla di tutto questo. Mi hanno fatto un quiz, come quelli che fate voi quando vi costringono a fare i test dell’Invalsi più o meno. Per sapere se so fare il maestro mi hanno chiesto: “Pamela, Fiona e Gina, sono tre ragazze newyorkesi. Stanno prendendo il sole in una piscina della loro città. Pamela indossa un costume intero. Fiona legge un libro, Pamela e Gina sono cugine”. Dovevo indovinare la risposta esatta tra queste quattro:  “Fiona è una studentessa universitaria;  Pamela è grassa; a Roma non sono le 9 del mattino; Pamela e Fiona sono cugine”.
Lo so che state ridendo. Ma i vostri maestri oggi non hanno il sorriso. Dicono che si chiama logica, cari ragazzi.  
Eppure domani dovrò tornare in classe in una scuola illogica. Mi hanno bocciato ma per qualche mese servo ancora al signor ministro che avrei voluto vedere fare un test con me.
Domattina tornerò tra voi, continueremo a leggere il quotidiano insieme, a imparare la Costituzione e la democrazia con i nostri consigli comunali di classe. Parleremo ancora di musica senza suonare il piffero ma ascoltando Fabrizio De Andrè e Giorgio Gaber. Vi insegnerò scienze portandovi alla fiera del consumo critico a Milano. Cercherò di ascoltare ancora i problemi di quelli tra voi che hanno il papà e la mamma separati; di chi non riesce a studiare perché a casa non c’è nessuno che lo può aiutare visto che mamma e papà parlano poco l’italiano ma molto bene l’arabo. No, non mi sono dimenticato: anche se non so bene rispondere al quiz di Fiona, Gina e Pamela; anche se la nostra Scuola italiana non ha soldi continuerò a organizzare il nostro viaggio d’istruzione al Parlamento a Roma o sui beni confiscati alla mafia in Sicilia, cercando soldi tra qualche imprenditore. Andremo a Mirandola, a incontrare i bambini che vivono nei container: perché per noi parlare di Emilia è anche questo.
Non preoccupatevi, quel signore che si chiama Francesco Profumo, forse non ama veramente la scuola ma il vostro maestro prova ogni giorno ad amarla. Anche se è stato bocciato.
Aggiornamento del 18 Dicembre, ore 15:40
Visto il successone del post, pubblico anche questo testo che ho inviato al Sottosegretario Rossi Doria, al Segretario particolare del ministro e al collega capo ufficio stampa.
Carissimo dott. Della Pietra, carissimi colleghi giornalisti dell’ufficio stampa, quando alla fine dell’anno scolastico incontro per l’ultima lezione i miei allievi, regalando loro la Costituzione, ricordo quattro regole: rompete sempre le scatole; non siate indifferenti; denunciate ciò che non va; viaggiate. In questo link trovate il mio “rompere le scatole” a chi ha indetto questo Concorso senza confrontarsi con chi ogni giorno vive la scuola. Il ministro avrà la responsabilità di inserire nella scuola prossimamente, non giovani e gente che fino a ieri è stata tra i banchi, ma 40enni che hanno provato il concorso e diventeranno magari insegnanti facendo un’altra professione. 
Caro Della Pietra, quando a settembre la chiamavo, per chiederle un confronto lei mi rassicurava con le solite parole di circostanza “la chiameremo presto”. Io non sono fesso. So bene che il Ministro non ha mai avuto la mia richiesta. So bene che voi, con il vostro stipendio assicurato e ben pagato, proteggete di volta in volta chi sta nella teca e non vuole ascoltare l’urlo di chi in questo Paese non ce la fa più. 
Ma sappia, dottor Della Pietra, che questo post l’hanno visto 34 mila persone, ha avuto 293 tweet. Voi provate a fermare il dialogo democratico con i cittadini, con chi vorrebbe confrontarsi ma chi vi scrive continuerà a denunciare, a rompere le scatole perchè crede ancora nella Costituzione, da cittadino, da maestro, da giornalista.
Prima di salutarvi voglio solo pensare per un attimo ai vostri figli. Magari andranno in qualche scuola privata, ma sappiate che se frequentano la Scuola pubblica, non hanno bisogno di maestri allevati a logica, a Sudoku ma di insegnanti che sanno amare, che hanno la capacità di guardare negli occhi i bambini, di trovare soluzioni alla mancanza di finanziamenti, di docenti che aprono le loro classi perchè ci sia una Scuola che guarda all’Europa, che guarda alla propria città, al proprio quartiere. 

Cordialità


che dire? Beh, io provo a dire qualcosa...

una CLASS ACTION degli studenti italiani, come dice la mia saggia amica Lule (ex-insegnante), contro queste cose sarebbe meravigliosa, non credete?

Allora, avanti, come le Pantere.., lasciate orme dappertutto, chiedete aiuto ai maestri veri, ai prof. veri, ai genitori veri, dite che volete una scuola seria, nelle mani di insegnanti seri, scelti non con quiz "moderni" (la parola usata dal Ministro, oltretutto docente universitario, forse assunto tramite quiz? O peggio?).

che cos'è un minuto a risposta se confrontato con ore e giorni e mesi e anni di studio, di vita nella scuola, anche da supplente, anche da precario, assieme a ore e giorni e mesi e anni dedicati alla vita dei propri alunni/studenti, a qualunque ora del giorno e della notte?

per troppo tempo, e su troppi fronti, non abbiamo urlato la nostra rabbia quando ci siamo trovati davanti a questi orrori, perché, ci dicevano e ci dicevamo (e ci credevamo) che dire certe cose era da qualunquisti, che la realtà è complessa, che sognare scorciatoie era pericoloso. Abbiamo sbagliato: dovevamo urlare più forte, urlare contro chi usava le nostre povere grida come strumento di repressione, urlare anche contro quelli che facevano "l'ombra cinese della P38", quelli che ci hanno davvero fottuto con le pallottole al posto delle urla... La vera repressione ha il volto della normalizzazione, dell'omologazione, del "modernismo à la Parfume" (ogni riferimento a persone è del tutto voluto!) 

scusate, ma sono così incazzato che salto da un tempo storico all'altro come se fossi un ballerino impazzito

ok, dopo tanti post deliranti e ridanciani, un post incazzato me lo concedete? Leggete, leggete, divulgate, divulgate...


giovedì 13 dicembre 2012

Un castello di libri, Mirandola. Elisabetta Cremaschi

Elisabetta Cremaschi continua la sua opera di "ricostruzione culturale" dei territori colpiti dal terremoto e ci manda l'invito a una inziativa bella e importante per il prossimo fine-settimana, a Mirandola, a Villa Tagliata. E' importante partecipare, dare un segno di attenzione a chi non vuole rinunciare alla cultura come "gesto" di sviluppo, di cittadinanza, di responsabilità verso noi stessi e verso gli altri, di incontro e dialogo. Partecipare è non solo importante, ma è anche bello: poter incontrare scrittori, giornalisti, artisti, sentire le loro voci che parlano di futuro (in un paese che pare avvolgersi sempre più in un chiacchiericcio vuoto e malefico, con macerie ben più terrificanti di quelle dolorosamente reali che ancora ingombrano tanti luoghi dell'Emilia), sentire la forza che solo mediante l'autentica voglia di parlare e ascoltare  produce bellezza e verità. Accorriamo, allora, accoratamente invitati, uniamoci al coro, accoriamoci e basta così! Grazie Elisabetta

il programma di "Un castello di libri" è sul blog di Elisabetta: gavrocheblog.blogspot.com/