Share It

mercoledì 30 ottobre 2013

a Sàrmede, a Sàrmede!

Ci sarebbero troppe cose da dire a proposito di Sàrmede, della splendida mostra di illustrazioni Le immagini della fantasia giunta alla sua 31a edizione. Ho ancora gli occhi e il cuore e il cervello (sì ho anche quello!) storditi da tante cose belle, da tante persone incontrate per la prima volta, da tante parole di festa e di impegno, di arte e di generosità, di progetto e di fatica. Insomma, Sàrmede mi ha regalato 2 giorni di "aria buona e fresca", di bellezza senza intermediazione alcuna, di voglia di vedere e fare e continuare.


il catalogo della mostra 2013, con illustrazione di copertina di Gabriel Pacheco (il catalogo a cura di Monica Monachesi contiene anche una interessante intervista a Gabriel Pacheco di Anna Castagnoli)

A chi dire dunque grazie? Come fare a dire tutto quello che è stato per me?
Utilizzerò la sintesi che non riesco mai a utilizzare quando scrivo? Ci provo:

1) Arrivo. Il B&B "La casa in collina" di Paola e Pippo: bellissimo murale, grande simpatia, ottima accoglienza, insomma e un gruppo di illustratrici (un solo illustratore maschio) alla loro ennesima esperienza a Sàrmede. Grazie quindi, in ordine di apparizione a Valentina di Udine, Rossella di Trieste (più mamma al seguito), Chiara di Riva del Garda, Piero di un paese veneto che non ricordo. Grazie poi a Gianna, spettacolare donna di origine sarda e tostissima manager. Breve giro per il paese ad ammirare i murales su molte delle case del paese trevigiano.

2) L'inaugurazione. La gente (tanta, ma tanta!) comincia ad aggirarsi tra il Municipio (interamente "illustrato" e con all'ultimo piano il Museo Zavrel) e la Casa della Fantasia. Il momento dell'inaugurazione incombe, ma tutti sono così curiosi di vedere la mostra che gli sapzi espositivi sono già gremiti. Poi, sul palco salgono autorità, ospiti, sponsors, organizzatori e tutte le persone più direttamente coinvolte. Partono i discorsi ufficiali (tanti, ma quasi tutti brevi). Sul palco viene invitato l'ospite d'onore di questa edizione, Gabriel Pacheco, uno dei più grandi del mondo, nativo di Città del Messico, ma cittadino di Buenos Aires. Poi gli altri illustratori selezionati.
Gabriel Pacheco, ospite d'onore 2013

3) Si apre la mostra nel vero senso della parola, cioè ci si accalca furibondi negli spazi espositivi, ci si incontra, ci si scontra, si tenta di guardare il bellissimo murale che Gabriel Pacheco ha realizzato su una parete Il poeta e la pietra, si insegue l'ospite per una dedica, si spendono danari per i libri suoi e di altri illustratori presenti alla mostra. Poi, ci si infila, col cuore in subbuglio, nella saletta Pacheco. Ed è subito magìa, una fòlgore ininterrotta di tavole, di grigi, di colore, di testi che rivelano un uomo colto, profondo, altamente "poetico" nel suo modo di lavorare, di ricordare, di cercare nel mondo la bellezza della poesia, le parole per dire questa bellezza. Non si riesce a dire null'altro tanto è lo stupore che ogni tavola regala, tanta è la capacità di Gabriel di fare di una tecnica un  opera d'arte, di fare di un pensiero un grumo di bellezza, di fare di un'idea un'infinita serie di rimandi, di rilanci. E' come se il suo pensiero chiedesse immediatamente una forma e poi un'altra ancora, all'infinito. Un salto anche a salutare un amico "gallego", David Pintor, e ad ammirare la sua "lezione" su come si illustra un libro che, detto tra noi, è poi L'eco, Edizioni Lapis. Un altro omaggio all'arte di alcuni bravissimi illustratori amici, Simone Rea e Mariana  Chiesa. La sala letture è un invito al furto per chi vorrebbe nella sua biblioteca almeno venti pupazzi realizzati da Arianna Papini.

4) Incontro con gli illustratori. In una Sala Zavrel piena zeppa, Monica Monachesi (curatrice della mostra) ci accompagna alla scoperta di alcuni illustratori presenti. le parole di Monica hanno il sapore dell'entusiasmo, oltre che della competenza, assieme alla grazia di chi non vuole insegnare, o mostrare conoscenze indubbiamente profonde. Chiama a sé ogni singolo illustratore e lo fa parlare. E' un susseguirsi di volti, quasi tutti giovani, di parole precise (quanto ce n'è bisogno!), di belle mani che disegnano nell'aria idee. Gabriel Pacheco e Anna Castagnoli che dialoga con lui, Mattias De Leeuw, Marco Paschetta, Giovanni Marra e, alla fine, come un lampo improvviso arriva anche Arianna Vairo che sorride e parla della Llorona, il corrispondente del nostro Babau per i bambini messicani (il personaggio è in realtà molto di più di questa comoda definizione).

Monica Monachesi presenta Gabriel Pacheco

5) Il Messico visto attraverso gli illustratori. Immagini sul paese mesoamericano, ricco di fiabe e leggende meravigliose, ancora dolente per la grandezza passata, eppure in grado di reinventare i suoi stessi miti, i suoi dèi, i suoi colori. Una scelta ricca di tavole illustrano il Serpente Piumato Qetzalcoatl che un giorno ritornerà al suo paese da Est (e che Montezuma non si sbagli questa volta!), e poi altri miti e altre figure, la morte, la dama, la llorona. Una sala che brilla tanto è colorata e varia. Una sala che invita a comprare il libro sulle Fiabe dal Messico, Edizioni Franco Cosimo Panini che, come ogni anno, è curato da Luigi Dal Cin e si presenta rosso fiamma ai tanti appassionati non solo di immagini, ma pure di storie. Segue laboratorio a cura di Monica Monachesi, con l'aiuto di alcuni illustratori. Riesco a fermare per un attimo Arianna Vairo che volevo conoscere da tempo, giusto il tempo di dirle come è brava.

6) Fine laboratorio. Arianna viene a sedersi vicino a me e parliamo un po' del suo lavoro (quante mani magiche ha, quante belle idee, che forza in una donna ancora così giovane!). Arianna mi regala la cartolina con la sua Llorona. Ridiamo anche molto e poi ci prepariamo a seguire la proiezione di cortometraggi sempre sul Messico, alcuni davvero molto belli. La gente c'è ancora e numerosa, alcuni bambini commentano come solo i bambini sanno fare le parole di Monica. Saluto anche Paola, altra bravissima illustratrice che mi mostra, con timidezza, il suo bellissimo libro su Mirò per Artebambini.

7) Partenza: triste momento, dopo due giorni di bellezza regalata in modo intelligente e leggero. Ripenso a Paola e Pippo del B&B "La casa in collina", ospiti straordinari e molto colti, anche se Pippo ha letto troppo Pavese e poco Fenoglio! Ripenso alla colazione infinita nella veranda del loro B&B. Ripenso a tutte le persone che ho incrociato, incontrato, ascoltato, ammirato. Sono un po' mogio, ma so che ritornerò a Sàrmede in gennaio e allora mi consolo. Ho i freni che "suonano" (saprò solo dopo che le auto giapponesi inseriscono un lamella-spia per avvisare i proprietari dell'auto che le pastiglie dei freni sono ormai da cambiare!), spero di riuscire ad arrivare a casa.

Beh, sono arrivato...

Qualcuno dirà: un post così lungo con due sole immagini! Il lavoro degli illustratori è così prezioso che è giusto che si vedano solo le immagini che loro stessi hanno deciso di rendere pubbliche e così vi invito ad andare a visitare i loro siti web, i loro blog, le loro pagine facebook e, ovviamente, il sito della mostra Le immagini della fantasia (anche pagina FB). Rimarrete storditi da tanta bellezza. Non sono uno a cui piace tutto, ma devo fare i complimenti a Sàrmede e a tutti coloro che hanno lavorato alla 31 Edizione della mostra per la qualità delle scelte e per la capacità di organizzare un programma così denso di eventi, incontri, laboratori. E un augurio alla 31a mostra quando prenderà la via delle tante città di tutto il mondo per essere ammirata anche da altri occhi, bambini e adulti, esperti e semplici curiosi. E se ho dimenticato qualcosa è solo colpa mia! E se ho dimenticato qualcosa, allora vi conviene davvero andare a Sàrmede, e non ve ne pentirete. Andate, gente, andate...

7 commenti:

  1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  2. Ciao Alessandro!
    Il tuo racconto è esposto in modo da farci godere dall'inizio alla conclusione questa tua meravigliata emozione...una immersione in un paradiso di colori, parole, incontri.
    E soprattutto ci rendi partecipi del miracolo della fantasia, trasmesso dagli illustratori, che, con una mostra così speciale, possono travasare la loro creatività, confrontarsi...e rimanere nello stesso tempo unici nella loro espressione artistica.
    Grazie
    Un abbraccio,
    ivana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, Nonna Ivana! A volte si ha davvero bisogno di andare a respirare un po' di bellezza. Ci sentiamo spero presto,

      alessandro

      Elimina
  3. sei sempre unicoooooooooooooooooooooo

    RispondiElimina
  4. Buonuomo, quoto l'Anonimo, sono in completo accordo.

    ... ho paura che lei sia unico, .... :D ... ma guardi la vita alle volte com'è sorprendente!?

    Un abbraccio e un bacio con inchino.

    E scriva scriva scriva!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci provo ci provo ci provo! Grazie ma mi sa che lei sta esagerando... abbraccio prolungato, ale

      Elimina
    2. ... ma poi, è le arrivato sto caspita di martello o devo tirare l'orecchio a qualcuno? :D ...non mi dica ''abbraccio prolungato'' che mi vizia, e prendo su cattive abitudini! ;)

      Elimina