Si è verificato un errore nel gadget

lunedì 19 marzo 2012

Rosso Belvedere 2012, ce la faremo?

la vecchia "pianiarina" in una foto di Marcello Lanzoni

Ebbene sì, ci siamo messi a lavorare per la seconda edizione di Rosso Belvedere, prevista per fine giugno 2012. Non sarà facile ripetere questa esperienza che ci ha emozionato fin dal primo momento in cui lo abbiamo pensato e voluto. Siamo già al punto di dover scegliere tra molte idee perché il programma si annuncia ben nutrito. Oggi, intanto, tra cantucci di Prato e passito di Pantelleria, biscotti della Romana, dolcetti turchi e caffé, Giuliana, Lule, Alessandra, Luigi, Paolo, Mara ed io ci siamo trovati a casa mia (sono ancora costretto alla clausura, maledetta broncopolmonite!) e abbiamo lavorato. Scrivo questo post-annuncio per gli amici che hanno partecipato l'anno scorso e che saranno così gentili da diffondere il rosso a chi vorranno invitare. Se poi qualcuno volesse anche contribuire con l'acquisto di un'opera in mostra, noi gliene saremo grati. Vi terremo informati. Ringraziamo fin da ora il Gruppo Studi "Capotauro" per la collaborazione. Le fotografie sono state "arrossate" e rielaborate da Tommaso.



festa a Porchia, in una foto di Napoleone Ghirardato
 
 La strada, come la "pianiarina" è in salita, ma noi siamo abituati. Lo spirito, invece, è sempre quello della festa, della leggerezza, della condivisione di un pensiero.

E un invito:

Vieni, c'è tanto rosso da imparare
sotto l'azzurro, sotto le verità lampanti
di fuochi lesti a farsi fumo.
Io, per altri fuochi mi preparo
in mezzo al verde, sotto le luci intermitenti
dei tanti che si fan nessuno.
Vieni, oggi non ho che questo rosso
caldo, bagnato e sterminato e mosso
e quando poi l'avrai imparato
ce lo racconteremo
tu, come vuoi
io, come posso.                                                  da Chiedimi il rosso, Book Editore, 2003







2 commenti:

  1. Già vado ROSSEGGIANDO qua e là per il BELVEDERE!

    RispondiElimina
  2. Caro Ale, non potevamo mancare a un evento così importante per il nostro territorio e, soprattutto, importante per noi, per il nostro spirito. Il programma si annuncia spumeggiante; da parte nostra, appena avremo alcune conferme di date lo inseriremo senz’altro nel programma delle “nostre” iniziative, sperando di dare il maggior risalto possibile a un parto così felice della tua mente (polmonite o non polmonite!)! Per noi è un grandissimo piacere partecipare a cotanto avvenimento, e magari se ci ritrovassimo per le bozze del libro con un'altra bottiglia di passito e coi cantucci… Non sarebbe affatto male!
    Un abbraccio affettuoso da Paolo, Luigi e Ale

    RispondiElimina